SCUOLA e BALBUZIE

INCONTRI PER INSEGNANTI

INCONTRI DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI

In questi anni di attività, i numerosi colloqui con gli insegnanti, ragazzi e famiglie, i corsi di formazione per gli insegnanti stessi, ci hanno permesso di conoscere da vicino le difficoltà in cui spesso si trovano ad operare queste figure così importanti per la crescita dei bambini e dei ragazzi.

Il personale docente svolge un ruolo molto importante nel campo dell'educazione e nella “diagnosi” precoce dei disturbi del linguaggio. Specie con l'ingresso nella scuola la comprensione ed il sostegno dell’insegnante saranno determinanti rispetto alla percezione che l’allievo avrà del sua difficoltà verbale.

Durante l'anno scolastico la nostra Associazione organizza nelle scuole degli incontri di formazione gratuiti, riservati ad insegnanti ed operatori del settore con la finalità di aiutare gli insegnanti ad instaurare un rapporto costruttivo con gli allievi e le loro famiglie.
L'obiettivo di questo incontro è fornire a tutti gli insegnanti un contributo formativo ed operativo per la gestione dei disturbi del linguaggio nelle varie attività scolastiche, nel rapporto tra alunni e di favorire una sinergia positiva tra le figure protettive che ruotano intorno al bambino/ragazzo con difficoltà del linguaggio.

La persona con tale disturbo, necessita infatti di un lavoro di squadra tra operatori, familiari e personale scolastico affinché l’efficacia di una terapia rieducativa si avvalga di una continuità di comportamenti che diventino facilitanti e non ostacolanti.
Questo lavoro sinergico ha la finalità di eliminare gradualmente il livello di disfunzionalità indotto dal disturbo stesso ed incentivare la consapevolezza delle proprie reali potenzialità.

 

Sei interessato a proporre questi incontri nella tua scuola? Contattarci e un nostro referente sarà a disposizione, presso la tua sede, per tutte le delucidazioni in merito.

Alcuni suggerimenti per la gestione del blocco in aula:

  • Essere disponibili internamente all'ascolto: la balbuzie può generare tensione, ansia, impazienza in chi ascolta. Ascoltiamo ciò che dice e non come lo dice.
  • Non invitarlo a stare calmo, a prendere fiato, a parlare piano ecc, servirebbe solo ad aumentare lo stato di tensione in cui si trova.
  • Evitare di completare o anticipare il suo pensiero e le parole.
  • Dare l’esempio nella comunicazione: parlare senza fretta, facendo buon uso delle pause. Il parlare velocemente induce nella persona che balbetta l’idea che sia quello il modello verbale corretto e quindi da imitare.
  • Non iper proteggetelo dalle esperienze verbali: invitarlo spesso ad esporre il proprio parere o la propria idea valorizzando il suo intervento non avendo paura di coinvolgerlo attivamente.
  •  Fate in modo che sia uno dei primi ad intervenire (anche l’appello può rappresentare un problema), dal momento che la persona che balbetta si carica di ansia aspettando il proprio turno,
  •  Informate i genitori delle difficoltà verbali del figlio senza caricarli di eccessiva ansia, fate presente contemporaneamente tutte le risorse e  potenzialità che il ragazzo sicuramente presenta. Invitateli a  rivolgersi ad uno specialista per affrontare questo disturbo. Se il ragazzo sta già effettuando percorso di rieducazione assicuratevi che l'intero corpo docente ne sia a conoscenza per una proficua ed indispensabile collaborazione. 

Approfondimento

Cos'è la balbuzie? Come si manifesta?

Info e Prenotazioni

Vuoi avere informazioni sulle nostre CONFERENZE?